Presenza di cinghiali a Palermo. Comune e Regione insieme per definire un’azione di contrasto

Presenza di cinghiali a Palermo. Comune e Regione insieme per definire un’azione di contrasto

Gen 12, 2018

Un tavolo tecnico si è svolto a Palermo dopo il recente avvistamento di un cinghiale in via dell’Olimpo e la presenza dello stesso all’interno di un edificio scolastico. L’incontro ha visto la partecipazione dell’assessore regionale del Territorio e Ambiente, on. Toto Cordaro, e del vice sindaco di Palermo Sergio Marino. La presenza dei cinghiali nelle zone urbanizzate è favorita dai residui di cibo in strada che funzionano come pericoloso attrattore. E’ per questo che le strategie di contenimento devono essere accompagnate anche da una maggiore pulizia della città e dalla cautela nell’abbandono di sostanze alimentari, soprattutto nelle aree periferiche e nelle zone protette e boscate.

L’assessore Cordaro ha condiviso con il vice sindaco Sergio Marino la necessità di definire insieme un’azione di contrasto che comprenda in primis un piano di comunicazione attraverso cui sensibilizzare la popolazione a comunicare tempestivamente eventuali avvistamenti oltre che ad osservare in maniera più scrupolosa le norme di igiene, soprattutto nelle zone in prossimità di Monte Pellegrino e Billiemi. Il vice sindaco Marino si è impegnato a potenziare il controllo del territorio da parte dei vigili urbani di Palermo, al fine di accertare l’eventuale presenza di allevamenti abusivi di cinghiali e di sensibilizzare la RAP ad effettuare con maggiore cura la raccolta dei rifiuti soprattutto nelle zone sensibili. Gli uffici della Regione si attiveranno per la  predisposizione di un piano di contenimento ed eventuale cattura dei cinghiali da sottoporre all’Istituto Superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA) per la necessaria  autorizzazione.